Sistiana Diving – Trieste

Diving Photographers Friendly

Accompagnati dal Sistiana Diving alla scoperta delle meraviglie sommerse ad alto tasso di biodiversità del Golfo di Trieste.

a cura di Marcello Di Francesco
foto Marcello Di Francesco, Marco Maccarelli, Massimo Zannini

Una delle prime iniziative a cui la nostra associazione ha deciso di lavorare,  è quella di costituire una rete di diving che possano essere a misura di fotografo, e che grazie alla loro particolare locazione ed organizzazione possano fornire il miglior supporto possibile ai fotosub.

Come tutti ben sappiamo, i tempi e le modalità di immersione della stragande maggioranza dei subacquei mal si concilia con l’attività del fotografo, ci sono ovviamente varie problematiche oggettive che fan si che l’immersione in gruppo difficilmente possa coincidere con le diverse esigenze di carattere puramente fotografico, inoltre, non tutte le località ed i diving sono adatti ed attrezzati ad ospitare i molti appassionati di questa attività.

Sistiana Diving

La Spiaggia di Sistiana

 

Per queste ragioni, è nostro intento cercare di segnalare quelli che, a nostro avviso, sono i diving italiani che possano fornire un valido servizio ai fotosub, dove il fotografo potrà trovare centri di immersione attrezzati e sopratutto guide che possano facilitare l’individuazione di specie e spot interessanti per la fotografia lungo tutta la nostra penisola.

E’ importante quindi trovare un ambiente con servizi dedicati ai fotografi, spazi attrezzati per riporre le attrezzature, stazioni di ricarica per le batterie, vasche di risciacquo separate per le custodie, ricariche nitrox disponibili e sopratutto affidarsi a titolari e guide attenti, preparati e sensibili alle esigenze di chi và in mare per fare fotografia, e che possano quindi accompagnare e far conoscere le peculiarità dei propri siti di immersione con un occhio di riguardo a quelle che sono le esigenze di scatto.

Nei giorni passati abbiamo avuto l’occasione di visitare il Sistiana Diving di Trieste, presso il quale è stato organizzato, in collaborazione con Nauticam Italia, un lungo week end di test e demo attrezzature, dove abbiamo avuto la possibilità di immergerci, fotografare ed ovviamente provare i servizi che il diving ha messo a disposizione dei fotografi intervenuti.

Sistiana Diving

La sede operativa del Sistiana Diving, proprio alla base delle famose falesie di Duino

Facciamo subito una premessa per chi non conoscesse la zona della baia di Trieste come luogo di immersione: ci troviamo in alto Adriatico, un mare relativamente chiuso ed in una zona dove sfociano molti dei maggiori fiumi del nostro paese, ne consegue quindi che questi fondali siano caratterizzari dalla presenza di molto fango e limo depositato sul fondo e dove spesso a causa di ciò la visibilità risulta molto limitata. Questo tratto di Adriatico, inoltre, è considerato un mare relativamente caldo con fortissime fioriture di alghe durante il periodo estivo che certamente non aiutano la limpidezza delle acque, fattore da tenere sempre in alta considerazione quando si pratica fotosub.

Perchè quindi venire a fare fotografia in questo tratto di mare della nostra penisola ?

Immergersi nel parco marino di Miramare, a Sistiana o a Duino è sicuramente impegnativo ma può regalare grandissime sorprese per gli appassionati di macrofotografia e biologia marina, è un ecosistema ad elevatissima biodiversità, e le particolari condizioni ne fanno un mare ricchissimo, dove le varie forme di vita si adattano in maniera veloce e prolificano in poco tempo, creando un ambiente davvero unico nel suo genere. Moltissime le specie di nudibranchi presenti, ma anche anemoni, spugne, ascidie, tantissimi i tipi di crostacei, paguri, granchi, granseole e astici, molti anche i tipi di pesce come scorfani, gronghi, corvine, bavose, castagnole etc etc.

Muck diving quindi, vere e proprie immersioni su fondali brulli, poco invitanti e spesso ricoperti di fango, ma capaci di regalare a chi ne sà apprezzare le particolarità, incontri straordinari, una microfanuna ricchissima molto interessante sia dal punto di vista biologico che sopratutto fotografico.

Marcello_di_francesco-11

ORECCHIO DI VENERE – (Haliotis tuberculata ) – l’incredibile biodiversità del golfo di Trieste.

Nudi-con-uova

Primavera in alto Adriatico

 

Marcello_di_francesco-10

Astice Triestino

Barbara Camassa, fotografa ed esperta conoscitrice di questi fondali è una dei titolari del Sistiana Diving, capacissima guida, in grado di individuare anche il più piccolo essere vivente di queste acque insieme ad Andrea Sauro Istruttore Padi, ci hanno accolto nella loro nuova struttura, dove da subito si capisce che molto è stato concepito in funzione delle esigenze dei tanti fotosub che frequentano la zona.

Il Sistiana Diving Center è posizionato direttamente sulla spiaggia (davvero un must per i fotosub) all’interno di uno spazio esclusivo nella Baia di Sistiana all’interno del Parco Caravella, proprio alla base delle famose Falesie di Duino. L’ampio parcheggio è situato proprio di fronte al diving ed anche questo è un altro valore aggiunto per i fotografi che potranno scaricare la numerosa attrezatura direttamente dall’auto senza lo stress del trovare parcheggio.

I servizi offerti vanno dall’ uso di spazi riservati e dedicati al noleggio e ricarica bombole aria ed attrezzaura.  Tra le facility del diving center troviamo anche le vasche per il risciacquo, la postazione di ricarica macchine fotografiche,lampade o flash, l’utilizzo dell’acqua corrente, di docce e servizi.

20150509_102533

6lorenzo

La possibilità di potersi immergere liberamente da riva senza nessun limite di tempo, ed il fatto che la maggior parte dei soggetti si trova da una profondita di max 5/6 metri, fanno di questo sito la palestra ideale per molti fotosub, un luogo dove poter fotografare e sperimentare in tutta tranquillità, prendendosi tutto il tempo necessario e avendo a disposizione molti soggetti diversificati.

Dal punto di vista fotografico la gestione della sospensione diventa di prioritaria importanza, bisogna imparare a muoversi con cautela, senza smuovere troppo il fondale perchè si rischia di ritrovarsi in pochi minuti circondati da una nuvola di fango che riduce la visibilità allo zero; Consigliatissimo inoltre anche l’uso dello snoot in questi luoghi, dove limitando il fascio luminoso dei nostri flash, si sarà in grado in molte situazioni ad isolare ed illuminare i molti soggetti trovati gestendo al meglio la sospensione.

Marcello_di_francesco-8

Hercolania coerulea

Marcello_di_francesco-2

Trapania Maculata

CavalluccioTS2

Cavalluccio, uno dei tipici abitanti della spiaggia di Sistiana

_MG_1441-Modifica

Blennide al riparo

Siamo certi che il Sistiana Diving Center diverrà nei prossimi anni un punto di rifermento per tutti i fotosub del nord italia, il nostro consiglio è ovviamente quello di andare e provare direttamente così da toccare con mano tutto quello che questi fondali hanno da regalare.

Una Galleria delle foto scattate durante il Nauticam Demo day :

Translate »