Luca Sonnino Sorisio

La notizia della prematura scomparsa di Luca Sonnino Sorisio mi coglie all’improvviso lasciandomi nello sconforto, da ragazzo ho sfogliato a lungo le bellissime pagine del libro fotografico Rapsodia Blu. Lo avevo contattato all’inizio dell’avventura di fotosub.net per realizzare una intervista per la rubrica TRENTASEIPOSE. Avrei voluto chiedergli tante cose, tra le quali la nascita dell’amore per il mare e quello per la fotografia subacquea,  dei viaggi intorno al mondo, delle barche e della rivista NAUTICA, dei progetti fotografici per il futuro ma non mi resta che affidarmi alle poche informazioni raccolte sul sito web dell’autore, con il solo intento di far conoscere alle nuove generazioni di fotosub, uno dei grandi talenti che la scuola italiana di fotografia subacquea ha espresso durante gli anni “analogici”. Non me ne vogliano i familiari per l’utilizzo del testo e delle immagini, usate in questo articolo per ricordarlo.

1518193_1374719699460168_494285659_o155895_1375691696029635_1201289477_n

 

“Luca Sonnino Sorisio ha scattato la sua prima foto subacquea agli inizi degli anni ’70 con una Kodak Instamatic in una custodia di gomma. La passione per la natura, il mare e l’outdoor, si coniuga da subito con quella per la fotografia, ottenendo sin dai primi viaggi risultati incoraggianti che lo portano a collaborare con diverse riviste e con un’agenzia specializzata in foto naturalistiche. Come inviato della rivista “Nautica” realizza reportage in varie parti del mondo ed è il fotografo ufficiale dei primi raduni di barche d’epoca in Sardegna. Nel 1983 fotografa “Azzurra” nella sua sfida alla Coppa America, a Newport. Giornalista professionista dal 1981, diventa direttore responsabile delle rivista “Nautica” nel 2000. Le sue immagini sono state pubblicate dalle più importanti riviste naturalistiche in Italia e all’estero. La fotografia che più ha avuto successo è stata scelta per una grande campagna pubblicitaria volta al lancio della rivista “Aqua” ed ha per soggetto un grande squalo martello che punta minaccioso l’obiettivo. Nel 1991 realizza il libro fotografico sul mare “Rapsodia Blu”, che nel suo genere diventa un best seller in Italia e, a distanza di anni, è ancora molto richiesto. Nel tempo libero si diletta a dipingere con l’acquerello.”

Ecco una piccola galleria di foto tratte dal sito web www.lss.photography. Ciao Luca!

Translate »